Reddito di cittadinanza: cosa significa e chi ne avrebbe diritto. - Chiarissimo.com

Chiarissimo News

Pubblicato il 12/03/2018
Reddito di cittadinanza: cosa significa e chi ne avrebbe diritto.

Il risultato delle elezioni di marzo 2018 ha scatenato una vera ossessione intorno alla proposta di reddito di cittadinanza. Se dovesse concretizzarsi tale proposta, chi potrà usufruirne e in che modo?


I primi due requisiti: la maggiore età e il reddito o pensione sotto la soglia di povertà
In Italia un reddito mensile è considerato sotto la soglia di povertà quando è inferiore a 780 euro.

Per poter accedere a tale agevolazione, quindi, i primi due requisiti sono l’aver compiuto 18 anni e avere un reddito mensile o una pensione inferiore a 780 euro.


Il terzo requisito: essere disoccupato, inoccupato od occupato sotto la soglia di povertà
Tranne i pensionati, coloro che vogliono accedere al reddito di cittadinanza devono dimostrare di essere:

  • disoccupati: iscritti nei Centri per l’impiego e in cerca di lavoro dopo averlo perso;

o in alternativa

  • inoccupati: iscritti nei Centri per l’impiego e in cerca del primo lavoro;

o ancora in alternativa

  • occupati con un reddito mensile inferiore a 780 euro mensili.

Attenzione ai furbetti: perdono il diritto a percepire il reddito di cittadinanza coloro che sono disoccupati o inoccupati e rifiutano  più di tre offerte lavorative congrue o partecipano a più di tre colloqui di lavoro con la palese volontà di non farsi assumere.


In cosa consiste il reddito di cittadinanza?

L’obiettivo di questa proposta è quello di garantire a coloro che hanno i requisiti sopra descritti di avere un’entrata fissa mensile minima, somma che varia a seconda che si viva da soli o meno.

Questo significa che non tutti prendono la stessa somma dallo Stato a titolo di reddito di cittadinanza, ma tutti devono raggiungere il tetto minimo mensile.

Facciamo un esempio: un maggiorenne che ha un reddito mensile di 500 euro, avrebbe diritto a percepire dallo Stato un’integrazione di 280 euro mensili a titolo di reddito di cittadinanza per raggiungere il tetto minimo di 780 euro mensili e oltrepassare la soglia di povertà. 


Di seguito riportiamo alcuni casi con il relativo reddito mensile minimo garantito grazie al reddito di cittadinanza:

  • 780 euro mensili per una persona che vive sola;
  • 1170 euro mensili per una coppia di adulti senza figli;
  • 1014 euro mensili per un adulto che vive con un minore fino a 14 anni;
  • 1638 euro mensili per due adulti che vivono con due minori fino a 14 anni.

Ricordiamo che si tratta solo di una proposta e che non si sa né quando né come verrà attuata.

Redatto da : Stefania