Casellario Giudiziale e Carichi Pendenti: cosa certificano e come ottenerli - Chiarissimo.com

Chiarissimo News

Pubblicato il 23/04/2018
Casellario Giudiziale e Carichi Pendenti: cosa certificano e come ottenerli

Spesso i datori di lavoro chiedono copia del Casellario giudiziale e dei Carichi pendenti: questi certificati possono essere richiesti alla Procura del Tribunale competente per il luogo di residenza.

Casellario Giudiziale
Questo certificato può essere di tre tipi:

  • casellario giudiziale civile, quando riporta tutte le decisioni definitive (ad esempio sentenze) pronunciate da un giudice civile nei confronti di chi chiede il certificato;
  • casellario giudiziale penale, quando riporta tutte le decisioni definitive (ad esempio sentenze) pronunciate da un giudice penale nei confronti di chi chiede il certificato;
  • casellario giudiziale generale, quando riporta tutte le decisioni definitive (ad esempio sentenze) pronunciate da un giudice civile, penale e amministrativo nei confronti di chi chiede il certificato.

Per ottenere questo certificato bisogna depositare il modulo compilato, una copia del documento di identità e le marche da bollo (una marca da 16 euro e una marca da 3,84 euro) alla Procura competente per il luogo di residenza.
Per sapere qual è il Tribunale di competenza basta visitare il sito del Ministero della Giustizia e digitare il Comune di residenza.

Carichi pendenti
Questo certificato riporta soltanto i procedimenti penali in corso – quindi non ancora conclusi con sentenza definitiva o altro provvedimento – davanti ad un giudice del Tribunale dove è stata fatta la richiesta di certificato.
Ad esempio: se richiedo i carichi pendenti alla Procura del Tribunale di Milano, il certificato riporterà solo le cause pendenti nel circondario del Tribunale di Milano.

Per ottenere questo certificato bisogna depositare il modulo compilato, una copia del documento di identità e le marche da bollo (una marca da 16 euro e una marca da 3,84 euro) presso la Procura di qualsiasi Tribunale, tenendo presente quanto detto sopra.
Lo stesso sito del Ministero della Giustizia specifica che è in programma la realizzazione di un sistema a livello nazionale che permetterà di ottenere il certificato dei carichi pendenti su tutti i circondari dei Tribunali italiani.

Carichi pendenti e casellario giudiziale gratuiti
In alcuni casi la legge prevede che il soggetto possa richiedere i certificati senza pagare le marche da bollo:

  • quando devono essere esibiti nelle procedure di adozione e affidamento di minori;
  • quando devono essere esibiti nelle cause di lavoro, previdenza e assistenza obbligatoria;
  • quando il soggetto ha diritto al gratuito patrocinio (le spese legali di una causa sono pagate dallo Stato);
  • quando deve essere esibito in una causa per errore commesso dallo Stato.

Attenzione: con la Pubblica Amministrazione si può fare l’autocertificazione
Questi due certificati possono essere richiesti soltanto dai privati.
Come già spiegato nel nostro articolo sull’autocertificazione, nel caso in cui una Pubblica Amministrazione avesse bisogno di conoscere i vostri dati inerenti alle condanne subite o ai procedimenti penali in corso, vi basterà fare un’autocertificazione senza richiedere alcun certificato nè pagare alcuna somma di denaro.


Redatto da : Stefania